Skip to content

Cile: Queste statue che rifiutiamo

Posted in Articles


Statue militari doganali o cileni: ovunque nel sud del paese, i Mapuche attaccano i simboli della “Conquista” o del periodo Pinochet. È la vendetta degli umiliati.

Mapuche manifestanti a Santiago de Cile 14 novembre 14 , 2019 © AFP / Rodrigo ARANGANA
per ascoltare:

Direzione Le Cile questa mattina, per una nuova storia di statua ‘noi Macello. Dopo le immense statue indiane, le statue africane rubate e alcune statue europee con tinte coloniali, quindi qui arrivò il tempo delle statue cilene. Dalla metà degli ottobre, le manifestazioni inedite paralizzavano il paese.

I manifestanti richiedono una nuova costituzione – lo hanno ottenuto – e più giustizia sociale in un paese segnato dalla dittatura di Pinochet e un’economia ultra-liberale. Anche il Cile del Sud ha sollevato. Ora il Cile del Sud, è il paese della Mapuche.

Mapuche sono una popolazione nativa americana che rappresenta circa un decimo dei 17 milioni di cileni. Sono anche orgogliosi di essere l’ultima delle popolazioni aborigene presentate dal Sud America: non sono stati integrati in Cile di 150 anni fa.

Statue di conquistadores e militari

Ad esempio Da quello di Pedro de Valdivia, un conquistador spagnolo del XVI secolo. Una statua a piedi, situata nel cuore della capitale regionale del Temuco, una città 650 km a sud di Santiago del Cile. È stato gettato sulla sporcizia martellata da Attivisti Mapuche.

A Concepción, una città fondata da Valdivia nel 1550, è un busto del Conquistador che è stato invertito, quindi impalato su un pizero da servire come barbecue Ai piedi di un’altra statua: quello del suo peggior nemico storico, il capo Mapuche Lautaro.

La Mapuche attacca i conquistatori spagnoli ma anche ai loro eredi: l’esercito cileno. A Temuco, è un aviatore in bronzo, Dogoberto Godoy, morì nel 1960, che fu decapitato e la sua testa posta sulle braccia di un famoso combattente Mapuche.

Mapuche Want Autonomia e riconoscimento culturale.

Cosa hanno sempre chiesto: un’autonomia più ampia, il riconoscimento della loro cultura e il loro linguaggio nella costituzione cilena. Vogliono che il Cile diventi una nazione plurinale, come la vicinanza della Bolivia.

Soprattutto, vogliono la schizofrenia cilena che, dalla fine della dittatura di Pinochet, vedi il cuore delle città. Le statue dei carnefici e le loro vittime, conquistadors e leader della resistenza della Mapuche.

Immagina in Francia, De Gaulle e Petain è stato fianco a fianco, per salvare le suscettibilità di tutti! Questo fenomeno si trova in tutta l’America Latina fino a quando il Messico commemora i 500 anni della conquista spagnola.

In Messico, è Hernán Cortés che interrogiamo

no! Questo è piuttosto gli spagnoli in particolare con una nuova serie-event su una piattaforma di streaming: Hernán per Hernán Cortés, il tromburro degli Aztechi alla testa dei suoi centinaia di soldati e dopo aver bruciato le navi.

Il suo incontro con l’imperatore Moczuma a Tenochtitlán, il capitale Aztec si è svolto l’8 novembre 1519, 500 anni fa. Bene, un MP messicano ha invitato questa occasione che i resti di “questa marca” di Cortes saranno restituiti in Spagna.

e presidente messicano Andrés Manuel Lopez Obrador ha chiesto ufficialmente la Spagna vuole scusarsi per i massacri commessi . Cosa non ha ottenuto. Tuttavia, ovunque in America Latina, sembra venire la vendetta degli umiliati.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *