Skip to content

Condizioni generali di vendita tra professionisti: quali menzioni obbligatorie?

Posted in Articles

Tra i professionisti (B2B), le condizioni generali di vendita (CGV) devono essere comunicate agli acquirenti o alle richieste di benefici del servizio che lo richiedono. In questo caso, devono rispettare le regole specifiche sia in termini di scrittura che sul loro metodo di comunicazione.

L’obbligo di comunicazione del CGV non si applica se nessun cliente ha l’applicazione.

I termini obbligatori delle Condizioni Generali di Vendita tra professionisti

Se formalizzate, le condizioni generali di vendita tra professionisti devono avere una serie di menzioni obbligatorie programmate per l’articolo L.441-1 del Commerciale francese Codice. Devono includere:

  • le condizioni di regolamento (comprese le clausole relative alle scadenze di pagamento, ritardare sanzioni e la quantità di compensazione per le tasse di recupero)
  • possibili riduzioni dei prezzi e condizioni di sconto
  • La scala del prezzo unitario.
la particolare menzione

I CGVS possono anche includere avviso opzionali come i termini di risoluzione del contratto, le clausole relative ai casi di forza maggiore (disastro naturale ad esempio), alla ritenzione del titolo o alla limitazione della responsabilità del venditore.

Leggi Inoltre: fatture: quali sono le menzioni obbligatorie?

Le regole di comunicazione delle condizioni generali di vendita tra professionisti

Se nessun formalismo è richiesto dalla legge, le condizioni generali di vendita deve essere fissato per iscritto, con qualsiasi mezzo che costituisce un supporto Durevole T. Generalmente, vi sono le condizioni generali di vendita sui documenti precontrattuali (documenti pubblicitari, ecc.), Contrattuale (ordini di acquisto, contratti, ecc.) E gli allegati (segni, poster apposti ai luoghi di vendita, ecc.).

È possibile stabilire condizioni generali di vendita differenziate in base alla categoria di acquirenti di prodotti o richiedenti servizi. Per definire le sue categorie di acquirenti, è necessario effettuare una distinzione tra:

  • il compratore o il commerciante del grossista (B2B)
  • grandi superfici alimentari
  • qualsiasi Azienda specializzata
  • società di vendita a distanza.

L’obbligo di comunicare le condizioni generali di vendita si applica solo solo per i professionisti della categoria in questione. Il fornitore può quindi scrivere il maggior numero di CGVS diversi che conta le categorie di acquirenti.

Tipo di condizioni generali tra professionisti

Leggi anche: Aziende: per quanto tempo devi mantenere i tuoi documenti ?

Quali sanzioni in caso di non conformità con le condizioni generali di vendita tra professionisti?

In caso di violazione degli obblighi di redazione e comunicazione delle condizioni generali di vendita, L’articolo L.441-1 del codice commerciale prevede una multa amministrativa fino a:

  • 15 000 € per una persona fisica
  • 75 000 € per una persona giuridica.

Vedi anche: relazioni difficili con un fornitore o un cliente: chiama per la mediazione aziendale

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *