Skip to content

Fino a 47 sostanze chimiche in una bottiglia di vino

Posted in Articles

È possibile trovare molte sostanze chimiche sintetiche nella composizione di un vino, come ha effettivamente riassunto un’associazione in un dettaglio infografica i prodotti consentiti in base al tipo di vino progettato.

Vini convenzionali, la maggior parte della produzione del vino, può quindi ricorrere a 47 diversi additivi, mentre i vini naturali, dall’altra parte dello spettro. Ci può essere solo una, bassa dose: anidride solforosa (Curiosamente, è anche l’unico additivo la cui presenza deve essere menzionata sull’etichetta). Tra i due, i vini “organici” possono destreggiarsi con 35 additivi.

e questo elenco non integra alcun residuo di pesticidi rilevabili in alcuni vini, ma solo i prodotti hanno introdotto deliberatamente. Scatole, regolamentate, gli additivi in questione non sono dannosi secondo i criteri dell’Agenzia nazionale di sicurezza (ANSES), che, in particolare, definisce le dosi quotidiane consentite (ADI) a persona.

“Dosi idonei quotidianamente “ha regolarmente superato

ma quid dall’ingestione di diversi alimenti distinti contenenti lo stesso additivo – o diversi additivi distinti contenuti nello stesso cibo?

anidride solforosa (E220 su imballaggio) è, ad esempio, ampiamente utilizzato nell’agrobusiness: si trova in aceto, frutta secca, carni, glats usati in salufficienza, birre, pasticceria, marmellate, frutta candita, marmellate … e, naturalmente, nel vino.

Per questo solo additivo, un milione di francesi supererebbe la dose giornaliera ammissibile.

Allo stesso modo, quando diversi additivi vengono utilizzati congiuntamente – Come può essere il caso del vino, con la sua gamma di 47 potenziali additivi – sembra difficile stimare con certezza la sicurezza del cocktail finale.

Il punto di vista di un chimico: né infuriato, né rassicurante

Raphaël Haumont, Chimico e Ricercatore presso la Facoltà di Orsay (91), Direttore del Centro francese dell’INNOVAZIONE CULINALE, guardò strettamente la lista degli additivi autorizzati nel vino. Offre il suo verdetto:

“È davvero una formulazione chimica. Aggiungono, ad esempio, acidi, basi … L’obiettivo è avere un prodotto più stabile, con un pH costante. Ciò limita le variazioni Acidità e standardizza tutto. È molto pratico: sei sicuro di avere cinque milioni di bottiglie praticamente identiche. Voler anche controllare l’ossidazione, quindi acido ascorbico – degli agenti vitaminici C – e antibrunicazione. Il vino bianco sarà molto, molto bianco. .. Accanto al collage di uova bianchi, ci sono separazioni, diluizioni e tecniche di concentrazione, come dialisi o osmosi. C’è il grande industria, per isolare le particelle e ottenere un po ‘di succo magico, senza alcun residuo … è perfetto Mastero, verso la standardizzazione agro-alimentare. “

” Come essere certo che le dosi critiche non superino? “

sulla questione di possibili rischi sanitari, Raphaël Haumont punta di S Aree d’ombra:

“Si potrebbe chiedersi se ci sono diverse fonti di solfito: Bisulfite di ammonio, bisolfite di potassio … diventa una formulazione chimica complessa. Come essere certi che le dosi critiche non superino? Ci sono anche aggiunte di sostanze minerali, come i citrati di rame, che appartengono alla famiglia di integratori alimentari sotto sorveglianza. Potremmo sostituirli con citrati di sodio … senza rame! “

un collegamento tra il vino e … i bastoni surimi

alcuni additivi finalmente risvegliano una sfiducia franco nello scienziato:

” C’è qualche artificiale Prodotti che si possono chiedersi se è stato cresciuto abbastanza, come questi addensori di cellulosa modificati, che stabilizzano i preparativi, danno una trama più viscosa … ma anche i gruppi di carbossimettici sintetici, utilizzati nel tessile del settore … Sono per lo più Molto sospetto nei confronti degli enzimi: distruggeranno le catene molecolari e contribuiscono ad amalgamare tutti, come per questi bastoncini di pesce o questi primi prometti di price che troviamo in supermercato … ma anche noi siamo composti da questi canali! Devi davvero essere vigili con alcuni enzimi. “

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *