Skip to content

Giocatore di scacchi

Posted in Articles

Questa notizia è una storia scritta in telaio secondo il principio dell’animeno: nella narrativa principale arriva a Intercaler due storie lunghe, di un’importanza essenziale per la comprensione della storia.

SoggettoDifier

Su un viaggiatore di rivestimento da New York a Buenos Aires, incontrare due giocatori di scacchi che tutto separa: il campione del mondo, di origine del tattico modesto e formidabile e un ARistocratico austriaco che non è stato in grado di praticare il gioco solo mentalmente, isolato in una prigione nazista durante l’occupazione tedesca dell’Austria.

Il narratormorermodifier

il narratore, una partenza austriaca per l’Argentina , è informato della presenza a bordo del campione di scacchi del mondo, Mirko Czentović. Intelligente uomo e appassionato di psicologia, inizia a capire meglio questo personaggio curioso.

czentovićmodifier

L’infanzia di czentović è dettagliata noi: orfano alto dal prete del villaggio, il ragazzo è taciturno, apatico e non riesce a imparare ciò che insegna. Certamente lento e morbido, tuttavia, esegue i compiti incombenti su di esso; Non fa niente senza essere chiesto a lui e quando ha finito di sedersi in un angolo. Nella sera, il prete e un amico, Marshal des Logis, competono uno dei loro giochi di scacchi quotidiani quando il prete è urgentemente richiesto per un morente. Il Marshal des Logis, che si trova senza un partner di gioco, la domanda – non senza malizia – a Mirko, che fissa la scacchiera, se vuole completare il gioco. Questo accetta e, a sorpresa, batte il suo avversario in alcuni colpi due volte di fila. Indietro, il prete aumenta il prodigio e osserva che né lui né il suo amico sono in grado di battere Mirko. Decidono di presentarlo ad altri giocatori, più forte. Il prodigio finisce per battere la maggior parte di loro tranne due o tre follower. Questo porta giocatori entusiasti e un vecchio scacchi amatoriale per ottenere modi per continuare a imparare a Vienna. A venti, è campione del mondo.

Intrude Codifica

A bordo, il narratore, chi, per curiosità, avrebbe giocato una partita contro il illustre maestro, attira a poco a poco Amatori attorno a una scacchiera. Finiscono per attirare l’attenzione di Czentović pochi secondi che, calibro a colpo d’occhio la qualità del gioco, passa solo, da lontano. Ma uno dei giocatori gli ha implorato di accettare di giocare a loro contro di loro. Accetta, per una remunerazione, e ovviamente batte i suoi modesti avversari. Ma durante una vendetta, un misterioso sconosciuto è l’aiuto di coloro che vorrebbero rompere la fredda arroganza del campione e, dotata di notevoli abilità, ottiene il sorteggio. Lì, goffo e contrito per aver immuso nel gioco, indica anche che non ha toccato una scacchiera per più di vent’anni e poi si ritira, lasciando un pubblico incredulo ma la cui curiosità è attaccata. Scopriamo che è austriaco, come il narratore; È quindi il secondo che è responsabile della “cucina”, giocando con lui il ruolo dello psicoanalista.

L’ignoto “Monsieur B.” Modifica

La cronologia dell’ignoto, “MB”, è molto inquietante. Un avvocato in Austria, nascosto a lungo nei nazisti che, bruciando, erano ancora lunghi. Così finalmente hanno imprigionato il notaio, ma in un modo particolare: in effetti, è ospitato in una stanza di un hotel di lusso (l’Hotel Métropole de Vienne) ma non ha contatto con il mondo esterno (la finestra è condannata, non ha no altri compagni di una protezione muta …). Rimane per diversi mesi, poi subisce i primi interrogazioni del Gestapo. Mentre va da tempo isolato nella sua stanza, le sue risposte sono meno caute, perde il controllo di se stesso perché il suo spirito “diventa vuoto” senza nulla palpabile.

Ma un giorno, mentre sta aspettando il suo interrogatorio In un antinimber, vede, in una giacca appesa a un cappotto, un libro. Mi chiedo delle meraviglie nei suoi occhi, deve coglierlo per sconfiggere la solitudine e la follia che lo guarda. “Vola!”, “Dice. Usando uno stratagemma rischioso, ha invertito e, torna nella sua cella, realizza il premio che è un libro di scacchi. Colui che ha sognato la prosa di Goethe o un’epica di Omero, ha incastonato davanti alle formule incomprensibili, suite di “A1, C4, H2 …” che non coglie il significato. Ma finisce per capire questi codici: corrispondono alla posizione delle parti su una scacchiera, e il libro è una raccolta delle più grandi feste contestate da Master internazionali.Dopo aver cercato di fare una scacchiera fisica con gnocchi di pane come campi da gioco e il suo foglio leggermente quadrato, piegato, come un altopiano, rinuncia quasi, ma persiste, imparando a cuore alcune parti. Raggiunge tra qualche giorno per privare i pezzi, poi infine di questo sostegno improvvisato, riproducendo mentalmente le parti. Diventa familiarità con la finezza del gioco, le tattiche, ecc. Gli interrogazioni sono migliori e pensa di essere sorprendente i suoi carcerieri che indovina e affligge le trappole.

Tuttavia, dopo alcuni mesi, l’attrazione delle 150 parti del libro scompare da quando li conosce tutto e questo Diventano qualsiasi automatismo senza alcun interesse. Deve quindi provare qualcos’altro: giocare a parti contro se stesso, con la principale difficoltà di poter ignorare le tattiche considerate su entrambi i lati della sua scacchiera virtuale, e successivamente tuffarsi in una sorta di schizofrenia. Succede in effetti, ma dopo poco tempo, il suo spirito diviso “perde il piede”. Il portiere, che lo sentì urlare, corre, pensando di litigare con un’altra persona. Ma in effetti, è contro se stesso che il signor B. Peste: “Plays! Ma gioca, Poltron …” … “i bianchi e i neri stanno invalando in lui e, avendo perso conoscenza, si sveglia in un ospedale. Il dottore, compassionevole, riesce a renderlo libero, passandolo per pazzo o irresponsabile e quindi senza interesse per i nazisti. Ragli raccomanda ancora di non riprodurre più fallimenti, altrimenti poteva ricadere nella sua schizofrenia.

La fine del giglio “La storia finisce in modo logico che. Inaspettato. Il signor B. è sollecitato a bordo del rivestimento per affrontare l’Arrogante Czentović. Contestano una prima parte e il campione di Capitula in modo da non essere completamente sconfitti. Nonostante l’avvertimento del medico, “l’ignoto” non può resistere alla tentazione di una seconda parte e accetta di giocare una vendetta. Lì “perde il piede”: Czentović, che capì che la sua lentezza esaspera il suo rivale, gioca a questa idea. Dopo un po ‘, il signor B. sembra perdere il filo del gioco: nessun dubbio ha troppo tempo per anticipare durante gli infiniti scatti di Czentović (che utilizza fino alla fine i dieci minuti fuori strada). Ha una parte diversa di quella che gioca e finisce per giocare un colpo errato. Premuto dal narratore, si ritira dal gioco, di nuovo Contrito e Penaud.

“Peccato”, ha detto Czentović, Magnanime. L’offensiva non era così brutto. Per un dilettante, questo gentitativo è davvero notevolmente talentuoso . “

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *