Skip to content

Il labirinto di Chartres

Posted in Articles

356 – Christian Ziccarelli – Il labirinto, un mito intero _ Originariamente, il labirinto è il Palazzo creteso di Minos dove il Minotauro è stato rinchiuso. Per dimostrare i suoi diritti sul trono della Creta di cui era diventato il re, “chiese Minos gli dei di adempiere alle sue preghiere. Dopo aver dedicato un altare a Poseidone e fa tutti i preparativi per il sacrificio, ha chiesto un toro che lascia il toro Mare. Immediatamente un toro di un bianco abbagliante apparve, ma così impressionato dalla sua bellezza, lo mandò ad unirsi ai suoi greggi e uccise un altro al suo posto. ” Per rivendicare Poseidone fatto come Pasiphaé, la donna di Minos, ha scatenato il toro bianco, quindi aveva un figlio il famoso minotauro. Per evitare lo scandalo, il Minos ha chiesto a Daedalle a costruire una casa da dove non poteva mai uscire, il labirinto. Androeca, uno dei figli di Minos, mentre è andato ai giochi funebri, è stato ucciso in un’imboscata allungata dal re di Egeo. Nella rappresaglia Minos chiese che gli ateniesi mandano sette giovani e sette giovani ragazze ogni nove anni al labirinto in cui il minotauro, aspettava loro di divorarli. Teisée, di fronte al dolore dei genitori i cui figli potrebbero essere disegnati, si offrì volontariamente, come vittima. Ariane La propria figlia di Minos ha avuto “amore a prima vista” per te. Dedala aveva dato a Ariane un plotone magico stringa che permetteva loro di donarsi al segreto del segreto del minotauro per ucciderlo, ma anche per trovare il rilascio del labirinto.

ottagonale o circolare, la maggior parte del I labirinti delle nostre cattedrali sono noti a noi attraverso disegni infatti, si tratta di sviluppare un singolo percorso il più a lungo possibile a partire dall’esterno e finisce al centro. Quello di Chartres è costituito da una chiara lastre di pietra calcarea di trentaquattro centimetri di larghezza, quella partizione di nastri di pietra scura (marmo blu nero) otto centimetri. La lunghezza del corso è esattamente 261,50 m. A Lucca, troviamo accuratamente incisa su un pilastro del romanzo portico della cattedrale, un labirinto “in miniatura” rigorosamente identico a quello di Chartres. In effetti il labirinto fa parte di una lunga tradizione. Il più antico del mondo cristiano è in Algeria, risale a 328. Si trova in molti manoscritti, o in pareti della chiesa intorno all’Europa.

< DOC1658 | Centro >

Il labirinto, la Lega, il percorso di Gerusalemme _ Tali sono le altre tre designazioni del labirinto. Daedal non era altro che l’architetto di Minos a cui aveva chiesto di costruire il labirinto per nascondersi nel suo centro il Minotauro. I campionati corrispondono a un’unità di una lunghezza vicina di 4 km. A piedi, ci vogliono circa un’ora per sfogliare questa distanza. Questo è il tempo messo dai pellegrini che lo fanno, ancora oggi, in ginocchio recitando il miserico. Il percorso di Gerusalemme è più enigmatico. Potrebbe essere l’equivalente di un pellegrinaggio in Terra Santa. Il credente, che non poteva farlo nel modo reale, lo ha viaggiato nell’immaginazione fino a quando arriva al centro, ai luoghi santi. Potrebbe quindi ottenere indulgenze.

L’origine di questo percorso può essere ricercata nella civiltà cretana, ma è anche possibile che la società megalitica lo abbia introdotto all’Europa occidentale perché nel Museo di Dublino si può ammirare a Bellissimo labirinto megalitico inciso nella pietra. Per il mondo greco-romano, è il corso della vita, portando al mondo dei morti, per i cristiani, al contrario, il culmine è il paradiso.

< DOC1659 | Centro >

Senza cadere nell’esoterismo inciso sul terreno, i labirinti sono la firma delle fratellanza iniziatoria dei produttori che spiegano la presenza dei loro nomi . In Amiens, i ritratti del vescovo e dei tre architetti sono incorporati nella lastra centrale in marmo bianco.

Un chartres, è curioso notare che il diametro del labirinto è abbastanza strettamente. Nel diametro della rosa occidentale. La distanza dal centro verso il muro della facciata è vicino alla distanza da terra nel centro della rosa. Una linea immaginaria che unisce al centro della rosa al centro del labirinto sarebbe l’ipotenusa di un triangolo notevole sia rettangolo che isosceles …

Regolamo i numeri 3 (simbolici della mente), 4 (Quello del materiale) e il numero 7 (il centro è davanti alle batterie che dividono le sette baie della navata in 4 + 3, ci sono anche 4 baie nel cuore e tre in ciascun braccio del transetto).

< doc1661 | centro > (galleria)

image_pdfimage_print

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *