Skip to content

Microbiome influenza le cellule immunitarie del cervello in un sesso e in modo dipendente dall’età

Posted in Articles

© Adobestock

Uno studio congiunto condotto dai ricercatori di inserm da ibens (Istituto di biologia dell’Ecole Normale Supérieure – Inserm / CNRS / ENS) a Parigi e I ricercatori di Segno (Singapore Immunology Network, A * Star) a Singapore rivela un impatto finora sconosciuto di Microbiota sulle cellule cerebrali immune, che si verificano dalle fasi fetali. Queste cellule, chiamate microglia, che sono conosciute giocatori nello sviluppo del cervello e funzionano, rispondono differenzialmente alle perturbazioni microbiome in topi maschi o femminili. Questi risultati sono pubblicati in cella.

Microglia sono cellule immunitarie che rispondono a lesioni traumatiche o segnali infiammatori per proteggere il cervello, agendo come sensori di vari segnali ambientali. Oltre al loro ruolo di sentinelle immune, la microglia è stata mostrata anche per regolare diverse fasi di cablaggio e funzionamento del cervello. Coerentemente, la disfunzione Microglia è stata collegata con l’eziologia di diverse malattie neurodegenerative e disturbi neurodeviluppali, compresi i disturbi della schizofrenia o dei disturbi dello spettro dell’autismo. La microglia gioca quindi ai ruoli importanti nei circuiti cerebrali e potrebbe costituire un punto di ingresso per i segnali ambientali.

Per testare questa ipotesi, Morgane Thion e Sonia Garel, i ricercatori dei Peselli, insieme ai loro associati, utilizzavano un approccio multidisciplinare che coinvolga il germe -Free topi, che mancano di tutti i microbiome, e topi adulti trattati con antibiotici, che distruggono acutamente la flora della Gut. Attraverso una combinazione di analisi genomiche globali e studi istologici, i ricercatori hanno dimostrato che la microglia è profondamente influenzata da interruzione della microbitata, già da fasi prenatali. Sorchiante, l’impatto del microbioma sulla microgia dipendeva dall’identità sessuale e dall’età: la microglia dei maschi è stata perturbata prenatalmente mentre quelle delle femmine erano colpite dall’età adulta. Questo sorprendente dimorfismo sessuale riecheggia il fatto che molti disturbi neurodeviluppali hanno un’incidenza più alta negli uomini, mentre le malattie autoimmuni sono più prevalenti nelle donne.

Mentre i meccanismi e le conseguenze del sottostante rimangono da scoprire, questo studio rivela una chiave Ruolo della microglia nell’interfaccia cerebrale / ambiente e mostra che i maschi e le femmine dispongono di finestre distinte di sensibilità alle alterazioni microbiome. Per gli autori, questi elementi dovrebbero essere presi in considerazione sistematicamente a livello preclinico e clinico.

per citare questo post:

Comunicato stampa – inserimento della stampa roommicrobiome influenza le cellule immunitarie del cervello in un sesso ed età-dipendenti Manierlink: https://presse.inserm.fr/en/microbiome-influences-brains-immune-cells-in-a-sex-and-age-dependent-manner/30271/

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *