Skip to content

Negli Stati Uniti, la bolla taxi è esplosa

Posted in Articles

negli Stati Uniti, i taxi non sono andati giù per la strada, ma il danno è lì. L’irruzione degli attori come Uber e Lyft ha sconvolto il modello di business taxi nelle principali città americane e, negli ultimi mesi, la bancarotta delle compagnie di taxi si è moltiplicata. L’anno scorso, la cabina gialla dell’azienda a Chicago ed Evgeny Freidman Entrepreneur, proprietaria di una flotta di taxi di New York, erano sotto la protezione del capitolo 11. E, a San Francisco, è il più grande operatore taxi, cooperativa di taxi giallo, che ha dichiarato Bankroccolo a gennaio.

Ma il danno collaterale di Uber e Lyft non è limitato a grandi aziende di “taxi”. Sempre più driver indipendenti o piccole cooperative sono in difficoltà. Negli ultimi mesi, i regolatori finanziari degli Stati Uniti stanno guardando piccole banche o cooperative che hanno sostenuto i tassisti dei tassisti per acquisire le loro licenze a New York e in altre città del paese. Secondo i documenti analizzati dai “tempi finanziari”, i valori predefiniti del pagamento con alcuni di questi istituti di credito specializzati, come il melrose creditizio dell’unione o lomto, hanno più che raddoppiato dall’inizio dell’anno. A settembre, il Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York ha anche dovuto prendere il controllo dell’Unione di credito di Montauk, un prestatore in difficoltà. Sono anche esposte diverse grandi banche, anche se modestamente. Questo è particolarmente il caso dell’ottava banca statunitense, capitale.

Come in Francia, i driver e le società dei taxi degli Stati Uniti devono acquistare licenze, il cui numero è controllato dalle autorità. Il loro valore apprezzava costantemente negli ultimi anni, i conducenti non avevano difficoltà a trovare finanziamenti per acquisirli, anche a prezzi dell’oro. A New York, nel 2013, una licenza di taxi giallo valeva anche più di $ 1 milione. Il loro valore è stato quasi diviso per due da allora. Allo stesso tempo, i conducenti, i cui redditi diminuiscono, vengono presi in una morsa e hanno sempre più difficoltà a restituire i loro crediti.

moltiplicazione dei reclami

Questi istituti di credito, alcuni dei quali alcuni sono molto esposti, cominciano ad andare in tribunale. Melrose e Lomto si sono uniti ad altri istituti di credito per presentare un reclamo nei tribunali di New York, prima di essere stato licenziato lo scorso settembre. “Le aziende come Uber hanno costruito reti di taxi senza dover acquistare una licenza e senza gli stessi limiti normativi come taxi”, ha spiegato uno dei reclami.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *