Skip to content

Nell’intimità di Bartabas, che rende omaggio alle vittime di “Charlie Hebdo”

Posted in Articles

nella sua nuova creazione equestrica, il capo di Zingaro rende omaggio alle vittime degli attacchi del 7 gennaio a Parigi

Mescola la voce di Tom Waits

è un turno a turno, ubriaco, impiccato, amblibilmente, don Chisciotte … dodici anni che Bartabas non aveva partecipato direttamente nelle sue creazioni , Se noi tranne il suo clown-up scappa alla fine dello spettacolo per salutare il pubblico. Completiamo gli Angeli (Elegies), la scorsa produzione del Teatro Equestrian Zingaro ci rende.

Lo incontriamo, un sentiero di Picon Beer Mousse con labbro, sotto la sua capita coltivata questa estate sull ‘Bron Ippodromo , nella periferia di Lione, dove queste elegie (canzoni di morte) sono state presentate nella prima mondiale come parte delle notti di Fourvière, prima che attraversa il mondo i suoi urti di tormentato umano. Un viso pirata per attraccare, abbassando le vele il tempo di ricaricare la nave. “Cospargere”, “getta le sue truppe – 40 persone. Comprendi: per far suscitare i cavalli. Il calore ondeggia le scollature.

Torniamo alle vele. C’è questa scena di sidrodo di sagome in Blue Burqa scalata su trampoli, titillando un nano arrabbiato, quindi monitorando con bastoni lunghi cavalli montati dagli scheletri. Ci sono anche queste strane tombe all’effigione di ogni grande religione monoteistica, veglies di un corvo nero, visitato a Catimini da un cavaliere cieco. E poi questo ragazzo-boucher felliniano che fa regolarmente il tour della pista che grida che i suoi prodotti rispettano “i riti kosher, halal e dio sanno cosa …”.

Una denuncia del massacro giornaliero degli animali? O qualcos’altro? “Mi sono ricordato di uno spettacolo sul Canal +, il mio amico Cabu mi attirò in diretta con un cavallo da macellaio del cavallo e scappando con un cavallo bianco che ho salvato indossandolo sulla schiena. Non mi metto dalla sua morte, e quello di tutti gli altri di Charlie Hebdo. Avevo bisogno di suggerire tutto questo dopo il 7 gennaio “, dice.

Nei suoi spettacoli, tra cui Calacas (2011-2014), BARTABAS ha spesso generato la morte, la desolazione degli uomini , violenza tra stati, regioni, credenze, anime. Nel periodo ordinario, i suoi cari cavalli – quelli che salva i macelli e che diventano i suoi amici per la vita – lo calmano sotto il capito. Sono poesie, cavalcate, respiri, artisti in disparte della scossa, fuori dal tempo, escludendo la storia immediata. Queste elegie, al contrario, passarle alla bobina. Prima scena di un’intensa bellezza: un gregge penetra nella fossa (agli angeli), gratis, vestiti in abiti tagliuzzati. In silenzio, prima che gli stridenziali di un treno lanciati di notte rompe la tranquillità. Carri a distanza per Auschwitz o Treblinka?

La politica cavalca la poetica. BARTABAS, ATEIST, Evoca sensazione religiosa, genocidio, Autodafé per rendere omaggio ai suoi amici mancanti. Si ricorda anche che i giovani, trascinò attorno ai macelli di Nîmes per comprare cavalli a buon mercato. Vide nelle penne coloro che sono andati a morte. “Sapevano cosa sarebbe successo a loro? Questa prima scena, cavalli insieme e nient’altro, avrebbero potuto essere l’unico, ha così tanto dire”, dice.

Amici, fratelli ” Anche della strada “, attenderlo dopo lo spettacolo per bere occhiali, parlare di angeli, parla l’uno dell’altro, parla di Charlie in vendita nel chiosco,” quello che ogni settimana è la migliore notizia della settimana “.

Dall’architetto di padre e alla madreperla, nato nel 1957, a Courbevoie nella regione di Parigi, la Bartabas non è cresciuta in un rimorchio di circo. È diventato un fairway per i cavalli e l’approccio di Zingaro – il nome della sua prima cornice, un frisone nero morì nel 1999. Li ama tutti ma preferisce quelli che hanno un passato doloroso, le persone senza persone, quelle che sono condannate boucherie, come il Argentina, Bianco e Bianco Criollos, “Sembrano scheletri”. Li ha comprati al telefono dopo che un amico li aveva visti sbarcare con una barca al porto di Bari. Questi Criollos furono ammirati sulla pianura di Plainpalais nel 2013, a Calacas.

Street Artist è diventato Master Squire, Bartabas installa nel 1989 un tendone tratteggiato in Aubervilliers e crea il teatro equestre e musicali Zingaro. Ognuna delle sue creazioni (Chimera, Eclipse, Loungta, Battuta, Darshan, ecc.) Viene immaginata lì, e l’ultima prova generale è aperta ai suoi vicini, gli abitanti di Aubervilliers, bambini e genitori “che non vanno molto. “.

Nel 2003 ha fondato l’Accademia dello spettacolo equestriano al Grande Ecurie del Palazzo di Versailles, che combina dressage, danza, scherma, cantando.Maschio per fare tutto, Bartabas mescola i furia e pazzo pazzo – un canassone sdraiato i quattro rigidi ferri nell’aria nella sua ultima creazione – ai passeggeri del mondo come i monaci del Tibet, i musicisti Gypsy della Romania, morti messicani.

Quest’anno, Cabu e gli altri, Médés nonostante stessi lo spettacolo, hanno il loro gateway sotto il tendone attraverso la barbarie che è suggerita, ma anche da umorismo – un pony rilanciato in aria, tacchini, oche – equestre Provezza dei Voltigeurs, della musica. Tom aspetta, il vecchio Bluesman “alla voce affumicata al botte di quercia”, disse Bartabas, ha prestato le sue canzoni. Amore lontano e platonico tra due artisti che non hanno mai incontrato. BARTABAS scrive: “Ho visto che vedere con gli angeli e i cavalli, Tom aspetta la voce era quella che doveva dire sia rocciosa che celeste, segatura ed etere, banali e romanticismo, gravità e fonte.”

Attualmente in Auch, la truppa, con i suoi 40 cavalli, i suoi 19 semirimorchi, porterà le elegie ad Aubervilliers, prima di un tour mondiale che attraverserà la Svizzera e le Haras National of Envinches. Ma all’inizio di ottobre, i Bartabas dovrebbero anche presentare a Ginevra un’altra creazione, Golgotata, un Mano a Mano con quattro cavalli tra sé e Andrées Marin, coreografo di Flamenco da Siviglia.

Negli shows, spesso lui Ha generato con la morte, la desolazione degli uomini

a Ginevra, presto un’altra creazione “, Mano a Mano” con un flamencoista

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *