Skip to content

Risorse sul recupero dell’attività e la riapertura dei luoghi culturali in Île-de-France

Posted in Articles

Aggiornato il 2 luglio 2020

Riepilogo
  1. Musei e monumenti
  2. Negozi di culturali: Biblioteche, Record, Gallerie d’arte
  3. Librerie e librerie multimediali
  4. Attività artistiche di vita show
  5. Spettacoli
  6. spazi espositivi e attività artistiche nel campo delle arti visive
  7. cinema
  8. festivals
  9. Street e publ space arts
  10. Conservatori, lezioni artistiche e istruzione superiore
  11. azione culturale e educazione artistica e culturale
  12. parchi e giardini
  13. siti di restauro
  14. > Operazioni di archeologia preventiva
  15. Servizi di archivio

Modifica: Dalla data del 20 luglio 2020, chiunque di età compresa tra 11 anni e deve indossare una maschera dei consumatori in chiuso luoghi pubblici, oltre all’AP Gesti di barriera.

1. Musei e monumenti

Musei e monumenti sono autorizzati ad aprire dal 2 giugno. L’operatore implementa le misure appropriate per prevenire la diffusione del virus, in particolare per quanto riguarda il rispetto per il distanziamento fisico.

per accompagnare le istituzioni in questa fase di riapertura, il patrimonio La filiale (DGP) ha sviluppato raccomandazioni, con quelle dei ministeri pertinenti della salute e della sicurezza sul lavoro.

2. Aziende culturali: biblioteche, record, gallerie d’arte

Le librerie, i record e le gallerie d’arte sono autorizzati a riaprire dall’11 maggio. I proprietari di queste attività sono responsabili dell’attuazione delle misure necessarie per evitare la diffusione del virus.

Il Ministero del lavoro offre alle aziende al dettaglio non alimentari a tema foglio, declinazione del protocollo nazionale di deconformazione.

Attenzione all’attenzione dei librai, l’Unione della Biblioteca francese ha sviluppato un documento sulle condizioni sanitarie per L’organizzazione della libreria e la reception del pubblico. Questo documento è stato convalidato dal ministero della solidarietà e della salute il 6 maggio.

3. Biblioteche e librerie multimediali

Le librerie e le librerie multimediali possono riaprire le porte da 11 maggio, con decisione e sotto la responsabilità delle autorità locali che assumono la gestione di queste apparecchiature .

Per proteggere gli utenti e il personale, il Ministero della cultura ha sviluppato raccomandazioni specifiche, prendendo la dottrina dei ministeri pertinenti di salute e sicurezza sul lavoro. Queste raccomandazioni provengono da un processo di elaborazione che ha associato le cinque associazioni professionali del settore (Associazione dei bibliotecari della Francia, Associazione dei Bibliotecari dipartimentali, Associazione degli Amministratori e Amministratori delle Biblioteche municipali e Gruppi intercommunali delle città della Francia, BiblioPat, Associazione per la collaborazione dei professionisti delle informazioni musicali).

Per ulteriori informazioni per i professionisti: http://www.biblio-covid.fr/

4. Attività artistiche di Living Show

La Direzione Generale della creazione artistica (DGCA) ha sviluppato, all’attenzione delle strutture culturali, un foglio di assistenza per il recupero Attività artistiche nello show vivente Campo (creazione, ripetizioni, costruzione di decorazioni, costumi, rappresentazioni …). Questo documento è stato progettato con l’ufficio del Consiglio nazionale di intrattenimento (CNP) e condiviso con gli esperti medici presso il Centro Medico della Borsa di studio (CMB), la Directace Île-de-France e il Cramif.

La DGCA specifica che spetta ai datori di lavoro per implementare misure per proteggere la salute e la sicurezza del personale e degli stakeholder, per respingere la ripresa delle attività se le condizioni non sono soddisfatte e Adattare le raccomandazioni alle loro attività.

5. Teatri

Gli showroom sono autorizzati ad aprire al pubblico dal 22 giugno in Île-de-France. I manager sono tenuti ad applicare le raccomandazioni emanate dalle autorità sanitarie per proteggere pubbliche, personali e stakeholder.

La direzione generale della creazione artistica (DGCA) ha sviluppato raccomandazioni per aiutare Le strutture adattano la loro organizzazione e il funzionamento delle istruzioni sanitarie e raccomandano buone pratiche.Questo documento è stato progettato con l’Ufficio del Consiglio nazionale del National Entertainment (CNP) e condiviso con gli esperti medici del Centro Medico della Borsa (CMB), la Direct Carina Île-de-France e il Cramif.>

Per ulteriori informazioni:
Musica Professionisti: [email protected]
Teatro e Circus Professionals: legale @ Artcena.fr
Dance Professionals : [email protected]

6. Spazi espositivi e attività artistiche nel campo delle arti visive

gli spazi espositivi – come i centri d’arte contemporanea e il fondo regionale Île-de-France Art contemporanea – sono autorizzati a Aprire il pubblico dal 22 giugno in Île-de-France, ad eccezione degli stabilimenti ERP di tipo Y già autorizzati a aprire anche musei e monumenti.

La Direzione Generale della creazione artistica (DGCA) ha sviluppato raccomandazioni per aiutare a riapertura del pubblico degli spazi di esposizione, in collaborazione con il Consiglio nazionale delle arti visive e dei professionisti del settore.

La DGCA ha anche sviluppato raccomandazioni per il recupero dei workshop degli artisti di attività, workshop condivisi, residenze e gestione delle collezioni.

iv id = “\ per maggiori informazioni S:
Professionisti dell’arte contemporanea: [email protected]

7. Cinemas

Le camere dei cinema sono autorizzate a aprire dal 22 giugno in tutto il territorio nazionale. Gli operatori devono mettere in atto le misure della barriera all’interno delle stanze, compreso il distanziamento fisico (un sedile o un metro di distanza tra persone o gruppi di persone).

La Federazione nazionale di cinema francese ha sviluppato una guida per raccomandazioni di sicurezza sanitaria per preparare questa riapertura nelle migliori condizioni.

Per supervisionare le sessioni cinematografiche all’aperto, il cinema nazionale e il centro animato (CNC) specifica il quadro giuridico e linee guida per l’implementazione di queste sessioni. L’organizzazione di queste sessioni è soggetta all’autorizzazione preventiva dal prefetto del dipartimento.

Per quanto riguarda le riprese e la produzione di film d’animazione, il CNC ha sviluppato due carte di aiuto al recupero.

8. Festivals

festival che raccoglie più di 5.000 persone non sono ammessi fino al 31 agosto.

per il calibro più piccolo festival, gli organizzatori sono tenuti a sviluppare i locali in modo tale da garantire il rispetto delle misure della barriera e ad avvicinarsi al prefetto del dipartimento che da solo può autorizzare le dimostrazioni dopo la dichiarazione preliminare.

La DGCA ha sviluppato un foglio di supporto per l’organizzazione dei festival nel campo delle arti e della cultura.

The Drac Île -De-Francia gestisce la cellula di accompagnamento per i festival franciliani: [email protected]

9. Arti della strada e dello spazio pubblico

Per il decreto del 21 giugno, i raduni di oltre 10 persone nello spazio pubblico possono essere autorizzati dal prefetto quando il Le condizioni della loro organizzazione consentono misure di distanziamento.

cf. Articolo 4 (allegato Arts of the Street)

per qualsiasi informazione:

10. Conservatori, insegnamenti artistici e istruzione superiore

Sotto la responsabilità delle autorità locali, i conservatori che rientrano nelle categorie r e non riescono a riaprire al pubblico in conformità con le misure di distanziamento .

La Direzione Generale della creazione artistica (DGCA) ha sviluppato raccomandazioni per sostenere le istituzioni educative pubbliche – e le autorità locali di cui dipendono dall’attuazione delle raccomandazioni sanitarie sostenuto dalle autorità competenti, la priorità è di proteggere la salute e la sicurezza degli agenti, dei dipendenti e del pubblico. Altre istituzioni di pratiche artistiche pubbliche – ad esempio nel campo delle arti visive – e le strutture private possono anche essere ispirate a queste raccomandazioni.

Per quanto riguarda le istituzioni di istituti di istruzione superiore, il Ministero della cultura è parte dell’orientamento generale definito dal Ministero dell’istruzione superiore e della ricerca: “Gli insegnamenti nella capitalizzazione non saranno in grado di riprendere in istituti di istruzione superiore prima del 2020 anno accademico. Le altre attività delle istituzioni riconoscono probabilmente una presentazione graduale dell’11 maggio, in conformità con le istruzioni sanitarie, il lavoro remoto, tuttavia, per continuare a essere privilegiati. “

Il generale Il Segretariato del Ministero della cultura ha sviluppato una registrazione di aiuti per il recupero dell’attività e la riapertura dell’istruzione superiore e degli istituti di ricerca artistici e culturali.

11. Azione culturale e istruzione artistica e culturale

Ora consentito nell’ambientazione scolastica e nella prospettiva di “vacanze culturali e di apprendimento” questa estate, le azioni educative artistiche e culturali devono essere Adattato al contesto sanitario, in relazione ai diversi stakeholder, comprese le autorità locali e gli attori culturali.

La Direzione Generale della creazione artistica (DGCA) ha sviluppato raccomandazioni per aiutare le strutture Determinare le condizioni per il recupero dell’attività, purché i progetti avvengano nelle strutture di creazione, diffusione, istruzione superiore o fuoriuscita. Questo documento è stato progettato con l’Ufficio del Consiglio nazionale del National Entertainment (CNP) e condiviso con gli esperti medici del Centro Medico della Borsa (CMB), la Direct Carina Île-de-France e il Cramif.>

Iniziative online accessibili possono essere valutate sulla piattaforma #CulturecheCezNous creata dal Ministero della Cultura.

12. Parchi e giardini

Sotto il decreto del 31 maggio, i parchi, i giardini e gli spazi verdi sono autorizzati a riaprire tra aree urbane, sotto la responsabilità dei proprietari e dei manager , in condizioni che potrebbero consentire il rispetto delle misure di barriera.

Il comitato dei parchi e giardini della Francia (CPJF) ha sviluppato una charter per la salute per un’apertura incorniciata da parchi e giardini nel quadro specifico dell’epidemia CVID-19.

L’edizione 2020 del “Appuntamento dei giardini”, evento del Ministero della Cultura coordinato dal DRAC che doveva svolgersi dal 5 giugno a 7, è stato cancellato. L’evento è rinviato dal 4 al 6 giugno 2021

13. Siti di restauro

Come parte del recupero dei progetti di restauro dei monumenti storici, il DRAC Île-de-France implementa le raccomandazioni della prevenzione dell’organizzazione professionale dell’edificio e del pubblico Lavori (oppbtp). Evoca i proprietari e i capolavori per fare riferimento a questo documento quadro, pubblicato il 10 aprile.

14. Operazioni di archeologia preventiva

La Direzione Generale dei Patrimonio (DGP) ha sviluppato un foglio di assistenza di recupero di operazioni di archeologia preventiva, al fine di garantire la salute e la sicurezza degli agenti, dei dipendenti e pubblico.

Il documento è stato preparato in prima congiunta dagli operatori archeologici delle autorità locali, un certo numero di operatori privati, nonché inRrap, e quindi costituisce un documento condiviso da tutto il settore. Nel Ministero della Cultura, è stato quindi discusso e parzialmente arricchito seguendo gli scambi con i rappresentanti del personale e la pubblicazione del protocollo di deconformazione del ministero del manodopera.

15. Servizi di archivio

La Direzione Generale del Patrimonio (DGP) ha sviluppato un record per il recupero dei servizi di archivio, al fine di garantire la salute e la sicurezza degli agenti, dei dipendenti e Audiences.

Questo documento è stato stabilito sulla base delle raccomandazioni emesse dai ministeri pertinenti di salute e sicurezza sul lavoro. Tiene in considerazione inoltre, sulla base della letteratura professionale sull’argomento, misure specifiche inerenti alla conservazione preventiva dei fondi di archivisti, ai fini della fornitura di un complemento settoriale più generale delle raccomandazioni più generali del governo. È stato anche nutrito dalle ricche esperienze dei servizi di archivio pubblico.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *