Skip to content

Stati Uniti: un bambino rapito trovato 50 anni dopo grazie al suo DNA?

Posted in Articles


Visto nella stampa – rimosso nel 1964 in un ospedale Chicago, un bambino è stato finalmente trovato dal suo cognato nel 2018, grazie ai test del DNA. La famiglia ha annunciato la notizia il 20 dicembre 2019.

A Madre e figlio alla maternità (Illustrazione)
una madre e il suo bambino in maternità (illustrazione)

Immagine di credito: UNSPLASH / ADITYA ROMANSA

benoit

Benoît collet giornalista
postato su 24/12/2019 Alle 10:45

Il 26 aprile 1964, Paul, il neonato del Fronzak è misteriosamente rimosso nel cuore dell’ospedale Chicago dove era appena nato. Se una donna vestita di bianca è prima sospettata, la polizia non troverà mai il rapitore, mentre più di 200 investigatori sono in pista.

L’FBI quindi alla ricerca del bambino in tutto il paese, in base al Forma delle sue orecchie e gruppo sanguigno. Dopo aver esaminato più di 10.000 bambini, finiscono per trovare un ragazzo abbandonato nel New Jersey nel 1966 corrispondente alle caratteristiche fisiche del bambino rimosso, racconta l’agenzia di stampa associata.

convinto di aver trovato. Paul Fronzak, i suoi genitori sono all’altezza della felicità. Ma nel 2013, il figlio della coppia realizza un test del DNA. Il risultato cade come un colpo di massa: non è il loro bambino naturale. L’FBI riapri quindi l’indagine.

Un uomo nel Michigan

Da parte sua, il figlio adottivo del Frunzak conduce la propria indagine. Invia un campione del DNA dei suoi genitori ai siti Web che offrono test e confronti genetici. Un profilo finisce fuori dal lotto. Il vero Paul Fronzak vivrebbe in Michigan e non ha ancora trovato sua madre, ha annunciato il figlio adottivo del Frunzak sui social networks il 20 dicembre.

L’FBI non ha confermato queste rivelazioni, ma detto associato a premere il Il sondaggio sull’abduzione di Paul Fronzak era ancora in corso: gli agenti lavorano ancora in questo caso, per cercare di comprendere le ragioni di questo tragico rapimento.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *