Skip to content

Tutto sul cabaret e gli artisti

Posted in Articles

cosa? Il music-hall: il termine “music-hall” significa in Francia, allo stesso tempo uno stabilimento con spettacoli di varietà (torri di canto, danze, riviste con grande spettacolo, numeri di circo, varie attrazioni) rispetto alla forma anche di questo tipo di stabilimento. La maggior parte delle citazioni di autori responsabili per esemplificare questi due accettati nella TLFI risalgono a un periodo relativamente distante del nostro; In particolare, riguardano gli anni 1920-30 e in precedenza. Vedi  e qui  Una recensione ballerina? Vedi  The Dancer Trailer (SE)? Vedi  Un coregraph? Vedi  Danza cabaret? Glamour, Danza sexy ma non volgare, la danza del cabaret riunisce diversi generi. Pertanto, si può anche praticare con gli accessori (come una sedia) che senza (come con il Cancan francese). Viene praticato a casa in un contesto intimo o sul palco, secondo i desideri. Questa danza è parte integrante del patrimonio culturale francese. Lido, Moulin Rouge e Cavallo Crazy: i cabaret rappresentano la Francia, e più in particolare Parigi, in tutto il mondo. Vedi  New Burlesque? La nuova Burlesque Dance è una miscela di danza e commedia, dai cabaret di Parigi all’inizio del 20 ° secolo (Moulin Rouge, Folie Bergère ..). Il Burlesque si è sviluppato fortemente negli Stati Uniti con il fenomeno di pineta degli anni ’40 e le directory dei cabaret … Questa arte, ballata su ritmi bebop, shuffle, blues, jazz swing, New Orleans ha attraversato le epoche e ritorni particolarmente alla moda Sin dagli anni ’90. Il “Burlesque” è un termine inventato dagli americani per designare gli spettacoli di stripping francesi che hanno avuto luogo nei cabaret noti della Belle Epoque. Non confondere con il termine francese “Burlesque” che definisce un registro comico e assurdo. Originariamente questa arte di stripping è praticata in cabaret francesi come il divano giapponese, il pastore dei traghetti o il gatto nero, ma non sopporta il nome di Burlesque. Fa parte degli spettacoli mondani o delle riviste di musicisti si mescolano con numeri di clown, circassici, da dove il lato “burlesque”. Stripping burlesque? Niente volgare Abbastanza al contrario, glitter, frou-frou, piume … universo cabaret, atmosfera chic & glamour … atteggiamento pin-up … danza, teatro, commedia , Circus … Benvenuto dove tutto è permesso. La nuova Burlesque o la spogliatura burlesque è una disciplina a pieno titolo che combina prestazioni artistiche ed emancipazione delle singole e-s. I corpi sono denominati – non rivelati mai completamente le loro curve, le loro attività carnali e sensuali, le loro peculiarità, le loro imperfezioni. Perché fuori dagli standard, lontano dalle convenzioni, gli artisti assumono e affermano la loro femminilità esacerbata ed esagerata in ogni caso mentre lo ascoltano con psache e orgoglio, con sensualità ed estetica. Il messaggio: tutti i corpi sono belli. Un discorso femminista. Vedi  e qui  un pin-up? Termine di origine americana (figlia uno perno, la cui fotografia murale è fissata). Il fenomeno della ragazza pin-up si è diffuso negli Stati Uniti da quaranties e ha rapidamente vinto il mondo. Le fotografie pin-up obbediscono a regole specifiche al punto che si può dire che l’individualità di ogni foto è prodotta dalla variazione e dalla combinazione di tre elementi retorici: il corpo, il costume e la postura. Il pin-up è un corpo, la sua foto rappresenta ed erotica il corpo femminile come codificato da cinema, pubblicità e tutta la Massdia. È quindi un puro segno del corpo dove i cannoni formati dalla moda. Vedi  Cos’è un artista professionista? Un dilettante? L’artista professionale e l’artista amatoriale sono definizioni che dividono erroneamente i praticanti dell’espressione artistica. È importante ricordare che l’artista professionista si distingue soprattutto del dilettante dallo stato. Per essere un artista è assumere un vero lavoro. Questo non crea più un hobby ma registrati in una scelta di vita che consente di alimentare riflessi intellettuali ed estetici. E anche se molti artisti hanno la necessità di trovare lavori del cibo, l’artista professionista ha il solo scopo solo per vivere in ciò che accade, per nutrire il suo approccio e creare senza limiti senza vincoli finanziari. Il che è inquietante con la formulazione di Amateur Artist, è inquietante è l’immagine peggiorativa che questo termine dà origine. Alla fine è svalutante né per la persona stessa o per lavoro. È indicare “nel peggiore” che il lavoro attuato non risponde a un approccio, né a una ricerca precisa e che l’artista in questione non rende la sua espressione una priorità finanziaria. Sii dilettante non significa essere peggio dell’artista professionale, né non so come muoversi.Si tratta di avvicinarsi all’arte in un modo più personale senza registrarsi nel Golfo caotico delle riflessioni sul mondo dell’arte. Molti aspiranti e pochi funzionari eletti … Nonostante la precarietà a cui sono per la maggior parte, l’intermittente dello spettacolo vive l’arte intensamente … non è necessario fare una scuola d’arte per diventare artista, proprio come lo è possibile essere un artista professionista senza essere riconosciuto. La vera differenza può essere in un punto: l’artista professionista non intende fare nient’altro della sua vita, nonostante la precarietà a cui sono per la maggior parte. Vedi  uno spettacolo intermittente di spettacolo di vita? Vedi  L’attuale denominazione “intermittente” copre diverse realtà giuridiche. Da un lato, i “intermittenti” sono artisti o tecnici dello spettacolo che sono assunti in un contratto di lavoro a tempo determinato “di utilizzo”. In effetti, la regola in Francia è il contratto con durata indefinita. Per alcune professioni, è consuetudine utilizzare il contratto a tempo determinato. Questo è il caso dei tecnici e degli artisti dello spettacolo. Sono spesso stato e dieta confusi. L’intermittenza è un lavoro specifico per artisti o spettacoli tecnici (allegati XIII e X Pôle Emploi.) Vedi , e dove  Qual è il GUSO? Il GUSO, il negozio unico dello spettacolo occasionale. È un’organizzazione gestita da stato che consente occasionali datori di lavoro intermittenti (compresi gli individui) di fare in una volta tutti gli approcci legati all’assunzione di un intermittente. Vedi 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *