Skip to content

USA: qu fa il discorso su stato del Unione?

Posted in Articles

Barack Obama pronuncia questo martedì il suo ultimo discorso dell’ultimo discorso sullo stato dell’Unione contro il Congresso con il pieno pieno, determinato a mostrare la sua valutazione, ma anche di consegnare una visione dell’America oltre il 2016. Ma A proposito, il discorso dell’Unione, cos’è?
pubblicità

Questo martedì sera, il presidente americano Barack Obama pronuncerà l’ultimo discorso sullo stato dell’Unione del suo mandato. Di fronte al Congresso insieme al pieno completo, il presidente degli Stati Uniti si sforzerà di evidenziare la sua valutazione, ma anche per consegnare la sua visione dell’America. Ma a proposito, qual è il discorso sullo stato dell’Unione? BFMTV.com prende il magazzino. Dove viene da questa tradizione?

pubblicità

Questo è il primo presidente del United Stati, George Washington, che ha inaugurato questa tradizione. Considerato come uno dei padri fondatori dell’Unione, ha pronunciato il suo discorso l’8 gennaio del 1790 a New York, al momento della capitale americana, dove il Congresso si è seduto.

Abbandonato nel 1801 da Thomas Jefferson, Chi non piaceva parlare troppo in pubblico a causa del suo Zézay e che ha giudicato l’esercizio troppo vicino al discorso del trono in Inghilterra, la tradizione è stata rilanciata nel 1913 da Woodrow Wilson.

Cos’è?

  • ereditato dall’articolo II della Costituzione americana, secondo cui il presidente deve “informare il congresso” di volta in volta sullo stato dell’Unione, questo esercizio ha un obiettivo: presentare il Potere legislativo Gli orientamenti principali che il Presidente intende dare la sua politica per il prossimo anno. Dal momento che Harry Truman nel 1947, questo clou di Politica americana è stato trasmesso in televisione.

Poiché i presidenti sanno che questa Grand-Mass offre un’opportunità d’oro per “vendere” il loro programma non solo parlamentari, ma a tutti gli americani. Negli anni ’60, Lyndon Johnson aveva l’idea di pronunciare il suo discorso all’inizio della sera, e non più a metà giornata, garantendo così un pubblico massimo.

Una cerimonia ben impostata

Metee preparate in anticipo e rilevate da un armada dei consulenti, il discorso del Presidente è pronunciato nella casa dei rappresentanti, alla presenza dei suoi membri, ma anche i senatori, la Corte Suprema, del cabinet ministeriale e Corpo diplomatico.

La cerimonia intorno al discorso di stato dello stato è una macchina ben impostata. Personalizzato vuole che i democratici vengano installati a destra e i repubblicani a sinistra. Durante il discorso, i membri della festa al potere di solito applaudono per rompere tutto, mentre i fischietti salgono rumorosamente dal campo avversario.

La scelta degli ospiti, un business simbolo

  • Era l’ex attore Ronald Reagan che ha aiutato a rendere questo evento annuale il vero spettacolo è diventato: decide di invitare il Campidoglio delle personalità, i “eroi” americani o stranieri, famosi, famosi o anonimi, la cui popolarità è presunta Per ricaricare il presidente.

Ma la scelta degli ospiti serve anche a evidenziare le priorità del Presidente. Quest’anno, un rifugiato siriano che ha fuggito dai bombardamenti del regime Bachar al-Assad farà parte degli ospiti dell’onore nel lodge della First Lady, Michelle Obama. Un modo per il presidente di traboccare i repubblicani che si rifiutano di ospitare i rifugiati siriani sul suolo americano.

Infine, un sedile sarà anche lasciato libero per rendere omaggio a tutti gli americani morti dalle armi da fuoco. Determinato a supervisionare meglio le vendite di armamenti, Barack Obama ha annunciato una serie di misurazioni da cortocircuito il congresso.

Lo sapevi?

Il primo discorso sullo stato dell’Unione, Pronunciato da George Washington nel 1790, è stato anche il più breve di storia, con 1.089 parole in totale. Viceversa, il discorso più lungo è stato pronunciato da Harry Truman nel 1946, con più di 25.000 parole.

  • È stato durante un discorso sullo stato dell’Unione di George W. Bush il 29 gennaio 2002, Il che è nato il famoso “asse del male”, una retorica neo-conservatrice che servirà come base per la guerra in Afghanistan all’intervento in Iraq.

Nel 1994, una versione cattiva del discorso è stato introdotto nel Telepromter, costringendo Bill Clinton per ricamare per alcuni minuti.

caroline piquet

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *